venerdì 23 dicembre 2016

Vivere (d)i libri: X-Mas List




In occasione del Natale, ecco un appuntamento speciale con Vivere (d)i libri. Questa volta non parlerò dei libri che ho letto o di quelli che sto leggendo, ma di quelli che prima o poi vorrei leggere. Anzi, se tra voi c'è qualcuno che vuole farmi un regalo... ♥
Attenzione, però! Questi non sono libri che si trovano su Amazon. Sono libri molto particolari. In che senso? Be', scopriamolo subito!

PRIMO REGALO: UN LIBRO DI POESIE DI DANTE GABRIEL ROSSETTI (TRADOTTO) CHE COSTI MENO DI VENTI EURO
Sono anni che lo cerco. Sono riuscito a mettere le mani solo su raccolte minori compilate da persone prive di criterio (e di gusto). Allora mi chiedo se sia così assurdo sperare che prima o poi qualche Casa Editrice decida di pubblicare in economica e in italiano le opere di Dante Gabriel Rossetti.
Rossetti fu un poeta e pittore inglese di origini italiane. C'è chi ha detto di lui che fosse un pittore troppo buono per essere un grande poeta, e un poeta troppo buono per essere un grande pittore. Cosa che è, anche se simpatica, doppiamente falsa. Rossetti fu un gigante in tutto ciò che fece. Tra le altre cose, fu uno dei fondatori del movimento preraffaellita. Suo padre è stato un meritorio divulgatore delle opere dell'Alighieri in Inghilterra, e sua sorella Christina, anche lei poetessa, scrisse quella poesia deliziosa che è Il Mercato dei Goblin.
Perché ci piace? Le poesie di Dante Gabriel Rossetti sono le più musicali che io abbia mai letto in lingua inglese. Me ne sono innamorato fin dal primo momento. Sono inoltre poesie molto visive, probabilmente a causa o in virtù del suo lavoro di pittore. Purtroppo le raccolte italiane di poesie - non i cataloghi di quadri, di quelli ce ne sono a bizzeffe - di Rossetti che ho trovato partono da un costo minimo di quaranta euro e arrivano a un costo massimo superiore ai cento. Bene, io mi sono abituato a leggere Rossetti in inglese - la poesia va sempre letta in lingua originale (guai a non farlo!), ma trovo utile appoggiarsi anche a una solida traduzione. E poi accidenti, divulghiamo un po' di preraffaellismo anche qui da noi!

SECONDO REGALO: LA RACCOLTA COMPLETA DELLE CONFERENZE DI C.S. LEWIS
Non è un mistero che Lewis, l'autore de Le Cronache di Narnia, sia, quando si parla di libri per bambini, uno dei miei punti di riferimento. Io sono ateo ma spesso, leggendo questo o quel passo, Lewis mi ha quasi convinto a convertirmi. Ecco: vorrei poter leggere tutte le sue conferenze sull'argomento del cristianesimo, e tutte le sue opere di teologia. Devono essere bellissime e commoventi, a giudicare da quel poco che ho già letto. Ma dove le trovo in italiano?
Credo nel cristianesimo così come credo che il sole sia sorto: non solo perché lo vedo, ma perché attraverso esso posso vedere tutte le altre cose [cit. Lewis, La teologia è poesia?]. 
TERZO REGALO: LA RACCOLTA COMPLETA DEL CEREBUS DI DAVE SIM
Cerebus l'Oritteropo è un fumetto indipendente di Dave Sim. Consta di trecento albi raccolti in sedici volumi, di cui solo due editi in Italia (Alta Società e Chiesa & Stato vol. 1). Nonostante non sia d'accordo con Sim su moltissimi argomenti (ad esempio, la sua strabordante misoginia), devo riconoscere che Cerebus è uno dei massimi prodotti del fumetto contemporaneo. Affronta con arguzia, acume e spettacolarità argomenti come la politica, la religione e il destino individuale. Senza considerare il tipo di narrazione e di disegno, spesso sperimentale, spesso al limite del medium. Qualcosa, insomma, da paragonare a un Moore, a un Gaiman o a un Morrison. E davvero vi chiedete perché lo voglio?
La Casa Editrice che aveva iniziato a stampare Cerebus in Italia è fallita, e sembra che da allora nessuno abbia rilevato i diritti di pubblicazione. Io ho letto quasi tutto Cerebus in inglese e in formato elettronico, ma, se dovessero tornare a pubblicarlo cartaceo nel nostro Paese, state pur certi che mi dissanguerei pur di averlo. E come me tantissimi lettori. Hai sentito, Bao Publishing? 😁

QUARTO REGALO: LE VITE DEI PIÙ INSIGNI POETI INGLESI (DI SAMUEL JOHNSON) E LA VITA DI SAMUEL JOHNSON (DI BOSWELL)
Samuel Johnson, il Dottor Johnson, è stato uno dei critici e letterati più importanti della storia inglese - sicuramente il più importante della sua epoca. Le sue Vite dei poeti sono una raccolta di brevi biografie e saggi sui maggiori letterati di lingua inglese, ed elevano la critica d'arte a opera d'arte in senso proprio. Ahimé, Johnson, un po' come il vecchio De Quincey, anche se considerato uno degli uomini più dotti del suo tempo, oggi è relativamente sconosciuto in Italia. Tant'è che io le Vite di Johnson non son mai riuscito a trovarle. Quindi vi prego, vi prego, qualcuno le stampi!
Secondo comma di questo articolo. Boswell era un caro amico di Johnson, per intenderci il Sancho Panza per quel Don Chisciotte che era Johnson, e ne scrisse una voluminosa biografia. In effetti credo sia la biografia più famosa che sia mai stata scritta, e, a sentire l'opinione comune, una di quelle opere d'arte che sfiorano la perfezione dell'archetipo. Anche questa, naturalmente, qui è introvabile - ma Dio sa se vorrei leggerla! Anzi, se ne avete una vecchissima copia (credo ne esista un'edizione italiana antidiluviana, ma a cercare conferma su internet non trovo nulla), contattatemi immediatamente. Ci possiamo mettere d'accordo sul prezzo *occhiolino occhiolino*.

QUINTO REGALO: THE MOON AND SERPENT BUMPER BOOK OF MAGIC
E a proposito di Moore (Alan e Steve, addirittura), quand'è che finalmente uscirà il loro annunciato grimorio di magia? Sono appassionato di fumetti e di occultismo: quindi per me questo è una specie di Santo Graal. E se in Promethea Alan Moore era riuscito a dare così tanto, al mondo della magia, fremo al pensiero di quello che riuscirà a fare con questo libro. Se esce prima del prossimo secolo, beninteso. Voglio dire, Steve Moore nel mentre ha fatto in tempo a trapassare...!








Eccoci alla fine del post, Veri Credenti. Con questo vi saluto per un po' - almeno fino al prossimo anno, e poi vedremo. Comunque abbandono l'abitudine di pubblicare un articolo ogni lunedì: scriverò ancora per il blog, certo, ma quando capita, quando mi prende l'ispirazione - l'entusiasmo, anzi, cioè quando il Dio della scrittura entra in me, si guarda un po' attorno e chiede all'agente immobiliare di mostrargli un'altra proprietà. Questa non gli piace.
Voi però non dimenticatevi di mettere "mi piace" alla pagina Facebook del blog e di condividere questo o altri articoli che vi interessano sui vostri social preferiti. A presto con Psicologia e Scrittura, e passate delle Buone Feste!

Nessun commento:

Posta un commento